martedì 23 marzo 2010

Perché si fa volontariato?

Come risposte a questa domanda ne sono emerse tante: perché senti il bignono di dare una mano, per aiutare le persone che hanno subito violenze e anche per fargli comprendere la loro condizione, per investire il tempo in modo proficuo. In particolare questo servizio riempie di molta gioia chi è a contatto con le persone bisognose, infatti spesso si pensa di andare a dare una mano ma poi si ritorna a casa pensando che siano loro ad averti aiutato.
Secondo una visione cristiana fare volontariato rappresenta un senso di gratitudine verso Dio, gli altri e il mondo. Esso è inteso anche come un servizio che privilegia le relazioni che s’ instaurano tra i diversi individui mettendo in primo piano la caratteristica della carità verso il fratello.
Le parole che abbiamo associato al volontariato sono quindi: gratuito, incontro che crea rapporto, carità, servizio, esperienza di Dio, senso di gratitudine, I care! mi importa!

A Parma un importante centro che svolge appunto un’attività di volontariato è il Centro anti-violenza che nasce nel 1991 ed è costituito da sole donne di tutte le etnie che hanno subito una violenza a livello economico, psichico e sessuale. Il compito di quest’associazione è quello di ascoltare le loro testimonianze e di aiutare a superare il trauma.

Nessun commento:

Posta un commento

...Girando tutto il Mondo con una Lanterna in mano,

a chi gli domandava cosa cercasse,Diogene rispondeva: “CERCO L’UOMO”.

La FUCI è fatta di Studenti, ma ancor prima di Giovani che vogliono riprendere in mano

la Lanterna, che vogliono riscoprire il gusto di uno Sguardo unitario sul Mondo;

che desiderano donare e ampliare le proprie conoscenze e riscoprire la Domanda di Verità e

di Bellezza che abita nella profondità di ogni uomo.