mercoledì 27 ottobre 2010

Il rapporto tra la fede e i giovani

Incontro di martedì 19/10/10

Il rapporto fede giovani è estremamente complesso.

La Chiesa come vede i giovani e viceversa ? Per iniziare bisognerebbe prendere in considerazione le parrocchie che sono i primi nuclei per formare la spiritualità dei giovani . Purtroppo queste non riescono ad attirarli poiché hanno ancora insegnamenti dottrinari tradizionali e i giovani non se la sentono più di ascoltare. I giovani addirittura non si prendono il tempo per riflettere e pensano che la fede non possa aggiungere niente di più alla loro vita. E allora niente Messa , niente canti, niente preghiera, tutto sembra essere già scontato. Nello stesso tempo i giovani non riescono ad avvicinarsi alla fede anche per il clima di poco dialogo che si crea tra loro e gli anziani che dovrebbero trasmettere a loro il significato della fede con nuovi metodi propositivi. Inoltre vi è mancanza anche da parte della Chiesa di nuovi strumenti per iniziare i giovani alla fede adulta.

E allora come risolvere questo problema e avvicinarli alla preghiera e al dialogo? Si potrebbe ricorrere al canto, questo infatti può indurre ad uno stato di elevazione perché essa ha infatti ha un forte impatto di sublimazione sui giovani. La preghiera se è cantata è più coinvolgente. Forse si potrebbe pensare anche ad una Messa più partecipata dove l'assemblea possa dialogare con il celebrante. Ma tra fede e altre attrazioni del mondo molto spesso la prima è perdente e anche molti giovani ,non tutti ovviamente, come gli adulti preferiscono seguire ciò che è più comodo e facile . Alcuni giovani si sentono più realizzati in qualche forma di volontariato. La fede senz’ altro oltrepassa l' attivismo umanitario ma è un linguaggio troppo difficile.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

gli insegnamenti tradizionali sono quelli che sono stati insegnati ai nostri antenati, che avevano una fede pù salda, il motivo deve essere cercato altrove, visto che chi ha il dovere di insegnare le virtù o per colpa sua o di altri, molto spesso non lo fa, questo mi sembra un motivo giusto visto l'esiguo numero di giovani che popola la parrocchia(e ancora meno la messa)..
il Papa ha auspicato un ritorno alla messa in latino(sarà tradizionale o no?), quindi mi sembra un'argomentazione un pò avanzata..

Anonimo ha detto...

puoi spiegarti meglio?

Anonimo ha detto...

doria è bono

Posta un commento

...Girando tutto il Mondo con una Lanterna in mano,

a chi gli domandava cosa cercasse,Diogene rispondeva: “CERCO L’UOMO”.

La FUCI è fatta di Studenti, ma ancor prima di Giovani che vogliono riprendere in mano

la Lanterna, che vogliono riscoprire il gusto di uno Sguardo unitario sul Mondo;

che desiderano donare e ampliare le proprie conoscenze e riscoprire la Domanda di Verità e

di Bellezza che abita nella profondità di ogni uomo.